LA PRODUZIONE

Quali sono le caratteistiche del Grana Padano DOP?
e come viene prodotto?

Di che cosa è fatto il Grana Padano?

I nostri ingredienti sono semplici, latte italiano, sale e caglio,con l’aggiunta di un coadiuvante naturale che si chiama lisozima e tanta cura. Si, perché la bellezza del nostro lavoro sta nelle attese, che rendono ogni forma diversa nell’intensità del gusto.

Il Grana Padano DOP è gustosissimo

Dal sapore delicato e dalla dolcezza leggera è il nostro stagionato a 12 mesi, più intenso e leggermente ambrato è il nostro stagionato a 25 mesi, dal sapore grintoso è il nostro stagionato a 36 mesi. Il tempo aiuta il nostro prodotto, inimitabile e unico è lo lo stravecchio stagionato a 50 mesi totalmente privo di lattosio.

Tante vitamine e sali minerali

Un alimento sano e completo perché ricco di sali minerali (iodio, selenio, magnesio, fosforo, calcio), di vitamine ( A, B2, B12) e di proteine (Leucina, Lisina, Fenilalanina e Tirosina).

Che cos’è il lisozima?

Sostanza di natura proteica ad azione antibatterica, è presente naturalmente in molte sostanze naturali come l’albume dell’uovo. Viene utilizzato, per la conservazione di formaggi stagionati. Il lisozima è utilizzato anche nella produzione di alcune tipologie di vino e birra. Il lisozima serve a tenere sotto controllo le fermentazioni indesiderate.

Quanto pesa e quanto è grande una forma?

La forma è cilindrica, e le superfici superiore e inferiore sono piane, con bordi leggermente tondeggianti. Le dimensioni devono essere tra i 35 e 45 cm di diametro, e una forma arriva a pesare massimo 40 Kg.

Senza Lattosio, altamente digeribile, con pochi grassi

Alimento ideale anche per tutti coloro che soffrono di intolleranza al lattosio e grazie alla sua composizione proteica è altamente digeribile. Per quanto riguarda i grassi nel Grana Padano Dop vi sono prevalentemente grassi buoni, l'apporto lipidico di una porzione da 50 gr. è di circa il 30% e composto per lo più di grassi insaturi.

Latte 100% Italiano

Il latte prodotto nelle cascine delle Famiglie della Cooperativa Lait, dopo essere stato rigorosamente controllato viene portato al Caseificio BS612.

La Decrematura

Il latte crudo dopo aver superato un ulteriore controllo viene parzialmente decremato mediante un procedimento di affioramento naturale.

La Caldana

Il latte decremato viene posto all’interno di caldaie di rame che hanno la forma di campane rovesciate. Da ognuna nascono due forme gemelle.

Il Siero

Si aggiunge il siero prodotto dalle lavorazioni casearie precedenti grazie ai batteri presenti inizia la trasformazione del latte in formaggio.

La cottura & Il caglio

Il latte così lavorato viene scaldato sino a raggiungere la temperatura di 31-33°C. Al latte viene aggiunto il caglio di vitello

Spino & Cagliata

La cagliata è rotta tramite lo spino. La cottura prosegue fino alla temperatura di 53°-56°. A cottura ultimata i granuli di di cagliata si depositano sul fondo.

Il Riposo e La Forma

I granuli di cagliata vengono lasciati riposare sul fondo della caldaia ad una temperatura costante, sotto il siero, per 30-70 minuti, in modo si uniscano in un’unica forma.

L'estrazione

La massa viene recuperata dal fondo e tagliata in due parti dando origine a due forme gemelle. Le due forme vengono avvolte in un telo di lino, e poste su tavoli spersori.

La Fascera & La Marchiaura

Le forme sono poste in una fascera ben stretta. Dopo 12 ore tra la fascera e il bordo detto scalzo viene inserita una seconda fascia con i marchi di origine in rilievo.

La Placca di Caseina

Viene poi aggiunta la placca di caseina che diventerà parte della crosta. Questa placca riporta il codice identificativo che rende il prodotto tracciabile.

La Salatura

Le forme vengono immerse in una soluzione di acqua e sale questo passaggio può durare dai 16 ai 25 giorni, in funzione del livello di salatura richiesto.

Stufatura & Stagionatura

Le forme vengono trasferite nel locale di stufatura dove si asciugheranno.Passano poi nel magazzino di stagionatura, per un minimo di 9 mesi.